Consapevolezza Corporea per musicisti/e

Muoviti in modo diverso. Suona in modo diverso.

Pensa in modo diverso. 

Il modo in cui pensiamo influisce sul modo in cui ci muoviamo. 

Ripristina le cose per come sono state progettate.

Sei pronto/a ad esplorare?

A program that teaches you how to learn more efficiently.

Discover a new relationship with your instrument and experience playing in another way.

Based on Alexander Technique’s principles, Body-Mind Centering’s explorations, Yoga’s philosophy and practice. 

Take the freedom to change.

Give yourself time to breath.

And play music.

Mappatura Corporea

Novembre- Dicembre

Consapevolezza Corporea per musicisti/e

Gennaio- Febbraio

La routine. Una sequenza di azioni seguite con regolarità.

Qual è la routine che seguo prima di mettermi a praticare?

Ci sono diverse cose che si possono fare prima di mettersi ad esercitarsi allo strumento. Ciascuna di queste potrà avere un effetto sull’esercizio che andremo a fare. Qua iniziamo a considerare l’importanza della preparazione, che nell’approccio Alexander è molto importante. Il discorso è questo: ci occupiamo di creare l’ambiente favorevole perché il risultato, sia esso il gesto, il suono, l’espressione risulti quello cercato, quello voluto, quello desiderato. Per analogia è un po’ come crescere una pianta, o un ortaggio: dapprima si prepara il terreno, si concima, si pianta il seme, si annaffia, si continua  a seguire e dare cura finché la piantina sbuca fuori. È così anche per il risultato che cerchiamo. Cerchiamo di prenderci cura delle condizioni adeguate e necessarie perché il nostro risultato emerga fuori, si manifesti. Quindi, una volta chiaro in mente quale sia il risultato che vogliamo ottenere, gli sforzi saranno diretti sul creare le condizioni necessarie perché questo accada, cioè pensare ai mezzi per realizzare il nostro obbiettivo ricercato. Questo lo schema di riferimento. Adesso la pratica. Prendiamo un esercizio, un passaggio musicale. Esaminiamolo attraverso le lenti necessarie per scoprire di cosa abbiamo bisogno, dei requisiti necessari per realizzarlo. Poi valutiamo se ne siamo già in possesso oppure individuiamo le capacità, gli ingredienti mancanti È le azioni necessarie per ottenerle. Potranno essere l’acquisizione di capacità che ancora non possediamo, per esempio un a particolare tecnica o conoscenza di una zona del nostro strumento. Insomma individuare cosa ci serve e procurarci cosa ci manca. In questo processo gli strumenti da utilizzare sono molti, tra tecniche, strategie, conoscenze. 

A volte non sappiamo di cosa abbiamo bisogno per superare gli ostacoli. Come faccio a fare questo? Quello è il momento in cui sviluppare strategie. Se non funziona in questo modo, chiediti perché, e prova un modo diverso. Analizza ciò che è necessario e lavora su tale acquisizione. Lavora su un principio da applicare, esplora, e poi trai le conclusioni. Oppure sperimenta e traine fuori un principio da quello che hai sperimentato.

La preparazione è necessaria. La preparazione precede l’azione. La preparazione è fatta per l’azione: pre (prima) par (per l’) azione. Quello che fai prima per l’azione. È un po’ come prendere la mira. Siete pronti/e?

Vuoi ricevere più informazioni?

Scrivi a : alexlatecnica@gmail.com